Codice etico del  Movimento Felino Italiano


L’adesione al Movimento Felino Italiano (MFI) impegna i soci al rispetto dei principi etici contenuti nel presente Codice, il quale trae fondamento da una lettura attenta del momento sociale attuale e pertanto potrà subire future modifiche, secondo i modi dettati dallo Statuto di MFI.
 

Quanti si associano o si aggregano a MFI considerano arricchimento la pluralità di posizioni culturali, ideali, scientifiche, esperienze allevatoriali, purché chi le detiene sappia esprimerle senza attentare all’armonia del sodalizio proponendole costruttivamente.

Il Codice etico si applica esclusivamente alla realtà del Movimento Felino Italiano che lo promuove, nel rispetto delle norme dello Stato Italiano, ispirando le sue attività al proprio Statuto e la sua operatività ai propri regolamenti interni.

L’impegno a rispettare il Codice Etico è di tutti i soci e prioritario per le cariche direttive del Movimento.

Il Codice Etico si estende a tutti coloro che utilizzano i mezzi e/o i servizi che MFI mette a disposizione, ai collaboratori e ad eventuali fornitori.

I Soci MFI favoriscono modalità di comunicazione fondate sull’ascolto, la correttezza, il dialogo, la chiarezza di espressione e di comportamenti. Puntano a scambi di esperienze fertili, si attivano per porre alla base del confronto il desiderio di intesa e si adoperano per promuovere una corretta gestione dell’esperienza allevatoriale.

I Soci MFI, a qualsiasi livello, nei processi decisionali, nelle occasioni partecipative, nelle rendicontazioni contabili perseguono la correttezza e la trasparenza operativa per facilitare il rispetto delle leggi, improntano la loro capacità relazionale a criteri di rispetto, sobrietà, onestà intellettuale. Arricchiscono tale impegno considerando le occasioni partecipative realizzate nell’ambito di MFI un’occasione utile ad implementarle.

I Soci MFI considerano di fondamentale importanza l’allevamento responsabile che mette al primo posto la salute e la dignità dell’animale.



Chi assume ruoli di carattere direttivo, organizzativo o di rappresentanza nell’ambito del Movimento Felino Italiano, si impegna a ricoprirli, con dedizione, rigore e senso di responsabilità evitando di assumere posizioni che possano ledere l'immagine del Movimento stesso.

 
I componenti del Consiglio Direttivo si impegnano a garantire trasparenza, tracciabilità e rendicontazione dei movimenti finanziari. Si informano sulle normative vigenti assicurando la trasparenza degli atti e delle prassi posti in atto. Rispettano tutti i passi delle procedure di Bilancio.

La gestione contabile è improntata ai principi generali di verità, accuratezza, completezza, chiarezza e trasparenza del dato registrato. Tutti i Soci e in particolare i membri esecutivi del Consiglio Direttivo vigilano con spirito collaborativo all’applicazione concreta di tali principi.

I Soci di MFI adottano percorsi decisionali e procedure di assegnazione di incarichi condivise e strutturate, rispettando criteri di trasparenza. Tutti si impegnano a valutare gli apporti esterni dei consulenti e dei fornitori sul piano della qualità certificata o certificabile.

I Soci evitano tassativamente l’uso a fini personali dei beni del sodalizio inoltre si astengono da comportamenti capaci di ledere l’immagine etica di MFI.



I Soci sono protagonisti diretti, con le loro azioni e comportamenti, dell’immagine pubblica di MFI.

A tal fine si fanno interpreti dei valori esplicitati nel presente Codice.

E’ demandata al Presidente o a suoi delegati la rappresentanza all’esterno di MFI in occasioni di carattere pubblico. Il Consiglio Direttivo concorre a determinare tali posizioni e ad informarne i Soci attraverso i canali di comunicazione interni.


 
Il Consiglio Direttivo si impegna ad assicurare una corretta divulgazione del presente Codice e a provvedere al suo costante aggiornamento in relazione alla materia trattata ed ai mutamenti sociali, nonché ad esplicitare nei modi più efficaci, ove occorresse, le fattispecie che ne pongono a repentaglio l’osservanza in ambito associativo.

I componenti del Consiglio Direttivo si impegnano a monitorare il rispetto del presente Codice con l’aiuto dei Soci ed effettuando all’occorrenza opportune verifiche. Raccolgono eventuali segnalazioni relative a violazioni e le gestiscono in ossequio alla normativa vigente rendicontando circa le iniziative intraprese.

Il Consiglio Direttivo vigila affinché vengano raccolti, elaborati, trattati e utilizzati solo i dati sensibili necessari all’espletamento delle norme previste e delle funzioni consentite dalla legge comunque utili al migliore svolgimento delle attività associative, impegnandosi per tutelare la massima riservatezza.

Share